Next Future Transportation: Una sfida  tra locale e globale

Next Future Transportation: Una sfida  tra locale e globale

 

Il primo giorno del Silicon Valley Study Tour abbiamo avuto la possibilità di seguire la presentazione di una start up stabilitasi in silicon valley intorno al 2014. Il concept di questa start up è applicare l’approccio modulare al mercato del trasporto pubblico creando un prodotto che possa adattarsi alle esigenze locali in funzione del traffico e delle fasce orarie di utilizzo. Il prototipo è un mezzo per il trasporto pubblico organizzato in cabine mobili indipendenti che possono attaccarsi l’un l’altra per formarne una unica e aumentare la capacità di trasporto del mezzo.

La cosa più interessante di questo progetto è il Business Model che hanno sviluppato. La loro idea non è di costruire i moduli che andranno a vendere, anche se su richiesta possono farlo, ma di vendere il progetto agli enti locali che gestiscono il servizio di trasporto pubblico nelle città e far sì che loro possano affidare ad un costruttore locale il compito di fabbricarli secondo le specifiche necessarie. Questo concept genera un’esternalità positiva portando lavoro in loco e mantenendo tutti gli aspetti legati alla manutenzione gestiti dalla compagnia locale. Una volta concordato il contratto con l’ente locale il core business di Next sarò gestire la piattaforma per l’accesso al servizio (ticketing) e la gestione dell’account personale degli utenti.

Giocando su una visione a lungo termine si può immaginare quindi l’introduzione di una piattaforma unificata per l’accesso ai servizi di trasporto pubblico a livello internazionale, portando quel tipo di innovazione che compagnie com Uber e Lyft hanno già dimostrato essere efficace.

Leggi gli altri articoli:

Diario di bordo, parte [2]

27/08/19, 12.45: MATRICOLA Mai avrei creduto che università del genere esistessero. E mai avrei creduto che servisse una mappa per girarla. Sulla carta Stanford è

Leggi Tutto »